lunedì 20 agosto 2012

Siria, Esiste un'alternativa alla guerra civile? L’agonia della Siria non accenna a diminuire


di Niall Mulholland, CWI

Ovunque nel paese ci sono attacchi indiscriminati da parte delle forze del regime di Assad e delle loro milizie. Settarie e sanguinose rappresaglie da parte dell'opposizione armata, ondate di rifugiati e disastri umanitari. La seconda città del paese, Aleppo, è stata messa a ferro e a fuoco dai combattimenti tra le forze dell’opposizione armata e l'esercito siriano. Nel momento in cui i ribelli sono entrati ad Aleppo il 20 luglio, molti residenti sono fuggiti a Damasco e in Turchia. La battaglia per Aleppo è importante per entrambe le parti. Più grande della capitale, Aleppo, è il principale centro economico, con un settore manifatturiero importante. L’esercito libero della Siria (FSA) é avanzato in città cercando di sfruttare lo slancio che credeva di aver guadagnato durante l’assalto a Damasco e con il bombardamento di un incontro ‘di intelligence’ del governo, che ha ucciso quattro generali.


L'esercito siriano sta raccogliendo armamenti pesanti alla periferia di Aleppo ed è pronto ad intensificare la sua offensiva. Come il resto della Siria, Aleppo è costituito da un mosaico di gruppi etnici e religiosi. La maggior parte della popolazione della città é musulmana, sunnita o curda. Ci sono anche armeni e altri cristiani maroniti e greco-ortodossi. Molti dipendenti pubblici in città vengono dalla setta alawita del presidente Assad. Fino a poco tempo Aleppo aveva visto un livello di violenza relativamente basso. Il sanguinoso livello di 100 morti al giorno nel paese nel mese di Luglio è destinato a salire drammaticamente con l’inizio della battaglia per la conquista della città. Code per il pane nei panifici controllati dall’FSA Movimento popolare La rivolta del marzo 2011 in Siria è iniziata come un vero e proprio movimento popolare contro la polizia di Stato di Assad, l'erosione del benessere sociale, gli alti livelli di povertà, la disoccupazione, e le elites corrotte. La dittatura di Bashar al-Assad preoccupata dall’impatto della ‘primavera araba’ ha risposto all'ondata di proteste di massa contro il regime dittatoriale in piedi da 40 anni con una repressione feroce. La brutale repressione dei manifestanti ha portato alcuni attivisti a prendere le armi. Il Comitato per un internazionale dei lavoratori (CWI) , ha sostenuto l’organizzazione democratica dei comitati di autodifesa capaci di proteggere le popolazioni e le comunità dai conflitti settari.
Allo stesso tempo, il CWI ha difeso la necessità di collegare questi comitati e di dotarsi di un programma che rivendicasse la fine della dittatura di Assad e la necessità di un cambiamento fondamentale della società in campo democratico, sociale ed economico. Alle proteste di massa è mancata una direzione indipendente della classe operaia. Questa assenza, ha consentito, alle opposizioni settarie e pro-capitaliste di riempire parzialmente lo spazio politico. I regimi reazionari del Golfo, insieme alla Turchia, e con il sostegno dell’imperialismo occidentale, sono intervenuti con le armi e con denaro a sostegno dell’opposizione. Gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e la Francia hanno a lungo considerato il regime di Assad come un ostacolo fastidioso per i loro interessi imperialisti nella regione. Al suo posto vorrebbero vedere una amministrazione più flessibile e filo-occidentale Per i loro piani, l’indebolimento del regime Iraniano, è cruciale.
Teheran è un alleato del regime siriano. La caduta di Assad potrebbe anche rafforzare i regimi sunniti pro-USA del Golfo, indebolendo gli sciiti dell’Hezbollah in Libano e la posizione dell'imperialismo russo nella regione. Quella che era iniziata come una rivolta popolare in Siria si è trasformata in una guerra civile, con l'aumento delle violenze settarie. I lavoratori ei poveri pagano il prezzo più alto per il fallimento della rivolta e la sua incapacità di trasformarsi in un potente movimento indipendente e unitario della classe operaia. Il bilancio stimato delle vittime ammonta attualmente a 20.000. Le Nazioni Unite (ONU) ritengono che 150.000 persone hanno già abbandonato il paese. Le parole di preoccupazione per il popolo Siriano da parte dei politici occidentali sono di un ipocrisia sconcertante. Solo pochi anni fa, l'amministrazione Bush ha inviato dei sospetti ‘terroristi’ a Damasco per essere torturati dai criminali di Assad. Ora il presidente Obama afferma che vuole vedere la dittatura di Bashar al-Assad sostituita con la "democrazia".
Eppure, con la benedizione degli Stati Uniti, due dei più stretti alleati statunitensi nella regione, le autocrazie reazionari del Qatar e dell’Arabia Saudita stanno alacremente armando e finanziando i ribelli siriani. Essi non sono interessati a portare i diritti democratici in Siria più di quanto non siano interessati a democratizzare gli Stati Uniti o la Gran Bretagna. Il regime saudita reprime la propria minoranza sciita, mentre sostiene le milizie reazionari salafite in Siria. Il governo turco, membro della NATO, denuncia ad alta voce l'oppressione in Siria. A casa, sopprime i media curdi che rivendicano l’autonomia territoriale in Turchia e in Siria. Assad e l’opposizione Tuttavia, il ruolo delle potenze occidentali e dei regimi reazionari del Golfo non è un motivo sufficente per sostenere il regime di Assad. A differenza di quanto sostengono alcuni esponenti della sinistra, Assad non è un 'baluardo' contro l'imperialismo.
Per i rivoluzionari l'alternativa al regime di Assad è emersa durante le rivoluzioni dello scorso anno in Tunisia e in Egitto. Quelle rivoluzioni hanno dimostrato che è un movimento di massa dei lavoratori e dei giovani è in grado di rimuovere i despoti e i loro regimi, di resistere all'imperialismo e di lottare per un vero cambiamento politico e sociale. La caduta di Assad è una questione di tempo, ma il conflitto non sembra avvicinarsi ad una risoluzione. "Con o senza Bashar al-Assad, la Siria ora ha tutte le caratteristiche di un paese lacerato dalla guerra civile", avverte Vali Nasr, un consulente accademico ed ex rappresentante speciale di Obama per l'Afghanistan e il Pakistan (New York Times, 28 luglio 2012).
Il regime di Assad ha perso il controllo di parti del territorio e l’opposizione sostiene che il potere del regime si sta seriamente erodendo ,ma il conflitto rischia di diventare molto lungo. La defezione di alcune figure di militari e diplomatici di alto rango tra cui Riad Hijab, recentemente nominato primo ministro, ha dato l'impressione che il regime stesse lentamente collassando. Ma Assad non mostra alcun segno di debolezza. Assad ha dimostrato di avere il potere militare e un sostegno sufficiente in Siria anche da parte di molti uomini d'affari sunniti. Anche se appare improbabile al momento, la possibilità che Assad possa essere deposto da un colpo di palazzo, non si può escludere categoricamente. L’opposizione pur avendo ottenuto qualche successo tattico e pur essendosi impadronita di armi pesanti è divisa "tra circa 100 gruppi, senza una chiara leadership politica", secondo Vali Nasr. Inoltre, il carattere reazionario del Consiglio Nazionale Siriano, dominato da ricchi sunniti legato all'esercito libero siriano e alle elites sunnite del Golfo, significa che molti alawiti, e cristiani così come le minoranze curde, nonché alcuni sunniti, potrebbero temere quello che seguirebbe il rovesciamento di Assad. L'esecuzione sommaria di combattenti inermi pro-regime da parte delle milizie di opposizione ad Aleppo, ampiamente visibili su YouTube, approfondiscono le paure delle minoranze Siriane.
Organizzazioni jihadiste stanno stabilendo punti d'appoggio nella parte orientale del paese, tra cui il gruppo Jabhat uno Nusra (Front Solidarietà) legato a al-Qaida. Jihadisti stranieri sono entrati in Siria dalla Turchia, dal Caucaso, dal Bangladesh e dagli Stati arabi del Golfo, questi gruppi contribuiscono a fomentare divisioni all'interno della leadership dell'opposizione. Molti di questi combattenti sono agguerriti veterani del conflitto in Iraq contro l'occupazione americana. I jihadisti in Iraq, a loro volta, sono incoraggiati dagli eventi nella vicina Siria. Conflagrazione settaria Anche se Assad dovesse decidere di lasciare il potere o se la sua cricca fosse rimossa, la sua macchina militare, dominata dalla setta alawita, e le sue milizie alleate potrebbero continuare a combattere. La Siria potrebbe affrontare la terribile prospettiva di una conflagrazione etnica come successe in ex Jugoslavia, aprendo la strada ad un conflitto che potrebbe protrarsi negli anni. Questo potrebbe assomigliare ad una ripetizione della guerra civile del Libano (che è durata dalla metà degli anni 1970 fino agli anni 1990 – e che fece 200.000 morti). Uno scenario orribile sarebbe rappresentato dall’utilizzo degli arsenali chimici e biologici a disposizione del regime.
Una conflagrazione settaria toccherebbe molto probabilmente altri paesi della regione. La Turchia, l’Iran, Israele e gli Stati del Golfo sarebbero attirati nel vortice. Il conflitto siriano si è già esteso al Libano, dove il regime di Assad gode del supporto di Hezbollah, che fa parte della coalizione di governo. Gli scontri tra sunniti e alawiti filo-Assad nella città settentrionale libanese di Tripoli e in altre aree hanno provocato centinaia di morti. Mentre le principali forze politiche in Libano vogliono evitare una escalation di scontri tra sunniti e sciiti, le sparatorie e i rapimenti a Beirut hanno sollevato i timori di uno scivolamento verso un conflitto settario.
Le Nazioni Unite non sono in grado di agire come un 'onesto mediatore' nella crisi siriana. Non possono prevenire le atrocità contro i civili o risolvere i conflitti armati negli interessi dei lavoratori. L'organizzazione risponde agli interessi dei paesi più importanti del mondo, in particolare dei membri del Consiglio di sicurezza dell'ONU, che sono profondamente divisi sulla Siria. L'impotenza delle Nazioni Unite è stata sottolineata dalle dimissioni di Kofi Annan, inviato speciale delle Nazioni Unite e della Lega Araba. La Russia e la Cina hanno votato contro le risoluzioni anti-Assad sponsorizzate da Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia. Nonostante la retorica, le posizioni degli Stati Uniti e della Russia non si basano sulla difficile situazione del popolo siriano. Il regime di Assad è un alleato fondamentale per la Russia nella regione. Il Cremlino e Pechino sono risolutamente contrari a qualsiasi intervento militare occidentale, in particolare dopo l'amara esperienza del conflitto libico dello scorso anno. Anche se alcuni politici negli Stati Uniti, in Inghilterra e Francia hanno lanciato l'idea di un'azione militare dell’occidente contro il regime di Assad, gli attacchi della Nato dello scorso anno contro la Libia non possono essere semplicemente ripetuti in questo contesto. La Siria ha una popolazione molto più grande della Libia e il regime ha a sua disposizione un esercito molto più potente e meglio addestrato ed equipaggiato.
Una campagna di bombardamenti della NATO dovrebbe superare l’ampio sistema di difesa aerea, mentre una invasione di terra richiederebbe forze militari su larga scala. Le truppe occidentali si troverebbe impantanate in aree urbane ostili.
Questi passaggi rischierebbe un’ internazionalizzazione del conflitto, perché , un ‘azione occidentale sarebbe vista nel mondo arabo, come uno strumento per il rafforzamento della posizione regionale di Israele. L'intervento occidentale Anche se negli Stati Uniti , c’è preoccupazione per l'opposizione siriana - la Casa Bianca rimane 'ossessionata' dal ricordo della catastrofica caduta dal supporto dei guerriglieri Mujahadeen nel 1980 durante la guerra in Afghanistan. Le potenze occidentali si concentrano sul sostegno e aiutano, l’esercito libero siriano e altri oppositori armati. Lo fanno in primo luogo applicando le sanzioni contro Damasco e offrendo agli Stati del Golfo e alla Turchia la possibilità di armare e finanziare e di fornire supporto logistico. La Casa Bianca sta anche intraprendendo azioni segrete per sostenere gli avversari di Assad. Secondo un rapporto dell’agenzia di stampa Reuters (1 ° agosto 2012), il presidente Obama ha firmato un ordine segreto all'inizio di quest'anno, che autorizza il sostegno degli Stati Uniti all'opposizione armata, compreso il dispiegamento della CIA e altre agenzie statunitensi. Ciò ha portato a "notevoli miglioramenti in termini di coerenza e di efficacia dei gruppi ribelli siriani nelle ultime settimane". In Inghilterra, il ministro conservatore degli esteri William Hague ha recentemente confermato che la Gran Bretagna sta fornendo supporto segreto alle forze anti-Assad forze. Gli Stati Uniti e le altre potenze occidentali sperano che tali azioni portino alla caduta di Assad. Tuttavia, alcuni commentatori filo-occidentali avvertono che la caduta di Assad sarebbe una vittoria di Pirro. Sarebbe solo l'inizio di un conflitto ancora più esteso in Siria e nella regione. Questi ‘esperti’ consigliano alla Casa Bianca di lavorare verso un 'piano di transizione', per creare un accordo post-Assad capace di ottenere il consenso di "tutte le parti". Ciò comporterebbe il dispiegamento di una forza delle Nazioni Unite 'peace-keeping'. Ma il raggiungimento di un tale accordo implicherebbe il coinvolgimento assai improbabile della Russia e l'Iran.
Anche se un scenario di questo tipo dovesse realizzarsi dopo tutto questo spargimento di sangue e queste distruzioni, non sarebbe in grado di portare la democrazia, la stabilità e la prosperità alla Siria. Si assisterebbe all’imposizione militare di un regime occidentale che coinvolgerebbe le forze reazionarie e pro-capitaliste. Uno scenario di questo tipo non risponderebbe agli interessi delle masse popolari Siriane.
I lavoratori e i poveri in Siria fronteggiano una situazione disperata e il pericolo reale di essere inghiottiti in una guerra etnica e confessionale. I rivoluzionari di tutto il mondo devono fare tutto il possibile per aiutare i lavoratori della Siria a costruire l'unità di classe per resistere e superare queste divisioni. Nella situazione attuale, questi sono compiti erculei. Eppure non c'è altro modo per unire con successo le masse e rovesciare il brutale regime di Assad, opporsi alle ingerenze degli stati reazionari locali e dell'imperialismo, e ottenere fondamentali cambiamenti sociali ed economici. Nonostante la loro terribile situazione, le masse siriane non sono sole. Il loro destino è inestricabilmente legato ai movimenti rivoluzionari in corso in Tunisia, Egitto e altrove in tutto il Nord Africa e del Medio Oriente. Ci sono stati 18 mesi di rivoluzione e controrivoluzione e il processo è tutt'altro che finito. Mentre il settarismo è in aumento in Egitto, lo è anche lotta di classe, con una nuova ondata di scioperi e di occupazioni che sta attraversando il paese. I lavoratori egiziani stanno costruendo le proprie organizzazioni e stanno intraprendere azioni indipendenti di lotta. Questo è il modello da seguire! Collegando tra di loro gli interessi di classe dei lavoratori in Siria, Egitto, Tunisia e in tutta la regione, nuove organizzazioni di massa dei lavoratori e sindacati indipendenti possono essere costruiti.
Basandosi su di un programma socialista per il cambiamento fondamentale della società : per il controllo e la gestione da parte dei lavoratori, per la creazione di posti di lavoro , l’introduzione di un salario di sussistenza, un istruzione ed un sistema sanitario gratuita e di qualità così via - un tale movimento avrebbe la forza di ispirare i lavoratori e i giovani in tutta la regione ad unirsi per cacciare i tiranni e l'imperialismo.
Ciò porterebbe a una lotta per una confederazione volontaria e socialista del Medio Oriente, in cui i diritti di tutte le minoranze sarebbero garantiti.


1 commento:

  1. es triste ver lo que sucede aqui se explicaba años antes que esto iba a pasar www.caesaremnostradamus.com/Lo%20cumplido_archivos/GuerraIrak2014.htm

    RispondiElimina